Il Territorio

Toritto, un territorio da riscoprire. Dalle vestigia medievali alle grotte carsiche.
Uno scorcio della più caratteristica Murgia Pugliese.

Il territorio, si estende su una superficie di circa 74 km2, sull'altopiano della Murgia Pugliese e comprende terreni calcarei sassosi e interessati da fenomeni carsici, tra cui la voragine del Pulicchio di Toritto e la grotta di San Martino.
Il clima mite e il terreno fertile hanno favorito una secolare e pregiata coltura dell'ulivo, del mandorlo e della vite. Dal punto di vista storico le origini del paese risalgono all'alto Medioevo, le cui vestigia ancora oggi si possono ammirare nel "Palazzo marchesale" e nella Torre Dell’Orologio presso la piazza vecchia.

Oggi Toritto è anche tappa di passaggio obbligata per raggiungere Matera, designata Capitale Europea della Cultura 2019.Il suo paesaggio agrario è costituito prevalentemente da oliveti, ma nella zona sud si apprezza, la presenza di un suggestivo bosco di latifoglie e di conifere che si incastona in una più vasta zona dedicata ai pascoli di alta quota.

Una particolarità dell’agro è la presenza dello storico tratturo Barletta-Grumo Appula che attraversa trasversalmente tutto il territorio secondo l’asse nord-ovest/sud-est a circa 7 km dal centro abitato in direzione della frazione di Quasano. Circa duemila ettari del territorio comunale fanno parte del Parco Nazionale dell’Alta Murgia.